Il Rinnovo

Esistono due possibilità per il rinnovo di una polizza assicurativa, a seconda della presenza o meno di una clausola di rinnovo tacito.

Quando il contratto prevede un rinnovo tacito, la proroga della polizza avviene in automatico, alla sua scadenza. Non occorre fare nulla di particolare per passare da un anno di copertura a quello successivo: semplicemente vale il cosiddetto silenzio assenso. Per evitare che questo accada, bisogna intervenire almeno 15 giorni prima della scadenza della polizza (vedi estinzione della polizza). Il meccanismo per il rinnovo è molto più semplice. Circa un mese prima della scadenza della polizza, per le RCA, viene inviato (di solito tramite posta) un rapporto consuntivo, chiamato attestato di merito. Si tratta di un documento che riporta tutti i dati salienti della propria storia assicurativa: contiene infatti l'attestazione di rischio, l'elenco degli eventuali sinistri, la classe di merito cui si appartiene e l'ammontare del premio da pagare. Se si è d'accordo con le condizioni e non si vuole rinunciare alla polizza, è sufficiente non fare nulla e il rinnovo scatta automaticamente anche per l'anno successivo.

Quando invece non esiste la clausola di tacito rinnovo (abolito nella R.C. Auto dal 2013) bisogna fare più attenzione. In questo caso il silenzio non vale come assenso: il rinnovo della polizza deve essere esplicito, effettuato secondo le varie modalità previste dalla compagnia assicurativa. Se vogliamo rinnovare la polizza per l'anno successivo, dobbiamo quindi intervenire in prima persona, usando i moduli necessari oppure la apposite procedure sul sito web della compagnia o via telefono. Il vantaggio di quest'ultima possibilità è quello di poter decidere se rinnovare o disdire il contratto anche all'ultimo momento. Chiaramente, a questo corrisponde lo svantaggio di doversi ricordare di rinnovare la propria assicurazione e il rischio di incorrere in gravi conseguenze in caso di dimenticanza. Di solito le compagnie assicurative hanno tutto l'interesse a proporre un rinnovo, e quindi a contattare i clienti per evitare loro pericolose dimenticanze. Ma il rischio di rimanere scoperti in ogni caso esiste, e quindi nel caso in cui si decida di non stipulare un contratto con rinnovo tacito è bene prestare la massima attenzione alle scadenze, soprattutto nei casi di polizza di responsabilità civile. In ogni caso, la vecchia offerta di rinnovo, ricevuta prima della scadenza, è valida generalmente anche 15 giorni oltre il termine di scadenza della polizza. Giorni nei quali, è bene sottolinearlo, non si gode di copertura assicurativa.

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
2012 © copyright Studio Mercurio di Luigi Mercurio